NFT-Blog.it

Non-fungible token. Guide, Approfondimenti e News.

Gli artisti senza firma fanno più soldi con gli NFT musicali che con Spotify

DiAdmin

Mar 19, 2022

Una quantità significativa di artisti non firmatari ha effettivamente sfruttato gli NFT musicali per sostenersi alle proprie condizioni. E se un giorno, ogni artista musicale potesse guadagnarsi da vivere senza dipendere dalle grandi etichette discografiche?

Gli artisti non firmatari guadagnano di più con gli NFT musicali

Prendiamo ad esempio Iman Europe, una cantautrice non firmataria di Los Angeles, California, che ha guadagnato 22,2 ETH (quasi 60.000 dollari) vendendo 5 singoli e un video musicale come NFT, secondo un recente articolo di Bloomberg. In confronto, ha guadagnato solo circa 300 dollari al mese dallo streaming su più piattaforme come Spotify e Apple Music.

Per essere chiari, Iman ha già 4 milioni di ascoltatori su queste piattaforme. Tuttavia, le piattaforme di streaming per lo più distribuiscono enormi tagli delle entrate alle etichette discografiche e ai distributori. Solo una piccola percentuale va agli artisti indipendenti. Inoltre, secondo FreeYourMusic, ci vogliono più di 200.000 streams per un artista per fare 1000 dollari in Spotify. Se questa tendenza continua, più artisti indipendenti abbracceranno sicuramente la musica NFT.

Infatti, con la tecnologia NFT, gli artisti possono anche facilmente bypassare gli intermediari nell’industria musicale per il finanziamento. Questo è dimostrato con successo da Daniel Allan, che ha finanziato in crowdfunding i costi di realizzazione del suo EP, Overstimulated, nell’ottobre 2021. Ha raccolto un totale di 50 ETH (circa 140.000 dollari al momento) attraverso Mirror.xyz. In cambio, i finanziatori possono godere del 50% delle royalties del master di Overstimulated.

Gli NFT musicali sono la via da seguire per gli artisti indipendenti?

Per ora, sembra di sì. Delphi Digital ha recentemente riferito che la popolarità degli artisti su Spotify non influenza realmente le vendite di NFT su Catalog. Dal grafico qui sotto, le vendite tendono a ruotare intorno a 1 ETH indipendentemente dai flussi Spotify degli artisti. Questo dimostra che i collezionisti sono disposti a sostenere gli artisti meno affermati nel Web 3.0.

I prezzi di NFT non sono altamente correlati ai flussi di Spotify. Fonte: Delphi Digital.

Dato che gli NFT musicali hanno trasformato la vita degli artisti indipendenti, è solo una questione di tempo prima che raggiungano l’adozione di massa. Per conoscere meglio gli artisti indie di qualità e le loro opere, si può sempre iniziare con marketplace come Sound, Royal, Decent e Catalog.

Disclaimer: Gli NFT sono una classe di attività emergente che si sta ancora evolvendo. Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere interpretate come consigli finanziari o di investimento. Fai sempre le tue ricerche prima di prendere qualsiasi decisione di acquisto, vendita o scambio di NFT.

Disclaimer

NFTs are an emerging asset class that is still evolving. The information in this article, whether directed at NFTs or other asset classes, should not be construed as financial or investment advice. Always do your own research before making any decision to buy, sell or trade NFTs.

Admin

NFT-Blog.it è un sito di notizie, guide e approfondimenti dedicato alla divulgazione di tutto ciò che ruota attorno agli NFT. La nostra missione è quella di informare e diffondere la conoscenza sui benefici che vengono da queste nuove entusiasmanti esperienze e tecnologie.

Lascia un commento