NFT-Blog.it

Non-fungible token. Guide, Approfondimenti e News.

L’economia della moda in realtà aumentata & NFT

DiAdmin

Mar 23, 2022 ,

Solo pochi mesi fa, la moda digitale abilitata dall’AR sembrava essere un concetto marginale. Mentre gli indumenti completamente digitali sono stati una parte del “metaverso” per un po’ di tempo, la tecnologia per supportare l’abbigliamento che può essere indossato nel “mondo reale” utilizzando la tecnologia AR non era ampiamente disponibile. Ma oggi – solo pochi mesi dopo – sembra che la moda digitale AR-enabled sia a un punto di inflessione.

Molto lentamente, e poi tutto in una volta, i nuovi strumenti per creare e monetizzare la moda offrono l’opportunità a creatori e designer di costruire i loro marchi nel metaverso e impegnarsi con i consumatori in modi completamente nuovi. E non sono solo i grandi marchi che si stanno unendo al divertimento – supportati da piattaforme che permettono a chiunque di progettare abiti digitali abilitati all’AR, anche i designer indipendenti stanno entrando nello spazio a velocità senza precedenti.

Questo afflusso di nuovi canali creativi è ottimo per i fashionisti futuristi che vogliono sfoggiare gli ultimi e più grandi look. Ma non si tratta solo dei vestiti stessi – si tratta anche dei modi in cui la moda può essere prodotta, distribuita e monetizzata ad ogni livello dell’industria. Ecco come. Ma prima, un po’ di contesto.

Le sfide della moda tradizionale

Storicamente parlando, la moda è sempre stata una delle industrie più complesse e impegnative in cui operare. Ci sono molti punti di vulnerabilità nella catena di approvvigionamento della moda. È altamente influenzata dall’incertezza economica globale e dagli sviluppi industriali, così come dai rapidi cambiamenti delle tendenze culturali. Tutto questo crea un bel margine di rischio potenziale per i produttori e i rivenditori – per non parlare delle enormi quantità di rifiuti legati alla moda che sono risultati dalla sovrapproduzione.

La moda AR presenta ai designer e ai produttori un mezzo per i marchi di vendere e commercializzare nuovi prodotti che comporta meno rischi. Poiché la moda AR non ha bisogno di un produttore, non è soggetta agli stessi tipi di rischi per la catena di approvvigionamento della moda tradizionale. E poiché non c’è un prodotto fisico, non si producono rifiuti.

È una vittoria per tutti, davvero – oltre al livello di rischio abbassato, la moda AR ha il potenziale per essere un nuovo potente flusso di entrate per i creatori di abbigliamento di tutte le dimensioni. Questo è possibile indirettamente attraverso strategie di marketing AR, come la prova virtuale e i filtri AR brandizzati. Ma il modo più diretto e potente per monetizzare la moda AR è attraverso la tecnologia blockchain – in particolare, attraverso i token non fungibili (NFT).

NFT e moda AR

Infatti, combinata con la tecnologia blockchain, la moda AR porta nuovi flussi di entrate sia per gli stilisti di tutte le dimensioni che per le strisce. Per esempio, The Fabricant permette agli utenti di co-creare pezzi di moda AR con un gruppo curato di creatori, designer e marchi su invito; allo stesso modo, The Hunt cura NFT di moda AR da creatori indipendenti selezionati a mano che possono essere indossati e visti in AR in tempo reale.

Gli stilisti sono gli unici che possono beneficiare delle NFT abilitate all’AR. Blockchain può anche essere usata per creare incentivi e ricompense per i consumatori di moda. Per esempio, il concetto di “indossare per guadagnare” potrebbe portare i marchi a premiare le persone che indossano i loro vestiti. Immaginate di ricevere airdrops di pezzi di moda AR tokenizzati nei vostri portafogli virtuali, o di essere pagati in criptovaluta quando pubblicate una foto di voi stessi che indossate l’abbigliamento del marchio su Instagram – potrebbe accadere in un futuro non così lontano.

E soprattutto, la moda digitale potrebbe essere una porta d’accesso ai NFT e ad altri investimenti basati sulla blockchain per i consumatori che altrimenti non si avventurerebbero affatto nel regno degli asset digitali. Secondo un sondaggio di Vogue Business, gli acquirenti di moda digitale includono donne che non sono necessariamente collezionisti di criptovalute.

Le AR NFT hanno anche il potenziale di espandere gli orizzonti dell’industria della moda in altri modi. In particolare, la tecnologia AR apre le porte ai consumatori che possono sentirsi alienati dall’industria della moda tradizionale. La tecnologia AR può creare esperienze di moda per acquirenti plus-size, la comunità LGBTQI+ e le persone che vivono con disabilità. Sia gli stilisti che gli indossatori possono usare la moda AR per esplorare nuovi modi di espressione di sé, senza limiti tradizionali.

La moda digitale non è più solo una novità – è un’industria emergente. Mentre le identità digitali delle persone diventano sempre più intersecate con le loro vite nel “mondo reale”, i modi in cui le persone si esprimono negli spazi digitali sono più importanti che mai. C’è un enorme potenziale di crescita – e con l’avvento degli NFT e delle valute fungibili nel mondo della moda digitale, i designer e i marchi hanno un nuovo e vasto set di strumenti per realizzare le loro visioni – e guadagnare mentre lo fanno.

Disclaimer: Gli NFT sono una classe di attività emergente che si sta ancora evolvendo. Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere interpretate come consigli finanziari o di investimento. Fai sempre le tue ricerche prima di prendere qualsiasi decisione di acquisto, vendita o scambio di NFT.

Disclaimer

NFTs are an emerging asset class that is still evolving. The information in this article, whether directed at NFTs or other asset classes, should not be construed as financial or investment advice. Always do your own research before making any decision to buy, sell or trade NFTs.

Admin

NFT-Blog.it è un sito di notizie, guide e approfondimenti dedicato alla divulgazione di tutto ciò che ruota attorno agli NFT. La nostra missione è quella di informare e diffondere la conoscenza sui benefici che vengono da queste nuove entusiasmanti esperienze e tecnologie.

Lascia un commento