NFT-Blog.it

Non-fungible token. Guide, Approfondimenti e News.

Possedere un pezzo di storia con gli Autoglyphs NFT splendidamente semplici

DiAdmin

Apr 12, 2022

Anche se relativamente nuovo, il movimento dell’arte generativa ha guadagnato slancio negli ultimi mesi. Dopotutto, diversi progetti e piattaforme di arte generativa NFT sono nati dopo che le NFT sono aumentate di popolarità all’inizio dello scorso anno. Tuttavia, Autoglyphs prende la corona come il primo progetto NFT di arte generativa “on-chain” della storia.

Immergiamoci più a fondo negli Autoglyphs e perché sono estremamente preziosi.

Cos’è il progetto Autoglyphs NFT?

Gli sviluppatori di software canadesi e fondatori di Larva Labs, John Watkinson e Matt Hall hanno lanciato Autoglyphs nel 2019. Larva Labs è lo stesso team dietro i collezionabili OG NFT, CryptoPunks. Infatti, Autoglyphs è il loro secondo progetto dopo CryptoPunks.

Quindi, cosa sono esattamente gli Autoglyphs NFT?

In parole povere, Autoglyphs è un progetto di arte generativa on-chain, generato attraverso un algoritmo. Larva Labs li descrive come “un esperimento di arte generativa, ognuno unico e creato dal codice”. Questo è tipico dell’arte generativa, un processo in cui un programma informatico genera algoritmicamente opere d’arte uniche con una nuova combinazione di tratti.

Basato sulla blockchain di Ethereum, questi sono stati originariamente creati da chiunque dopo aver pagato 0,2 ETH (circa 35 dollari allora) come tassa di creazione. Inoltre, il team ha donato tutte le spese di creazione a 350.org. “Un movimento internazionale di persone comuni”, 350.org combatte il cambiamento climatico e sostiene l’uso di energie rinnovabili.

Tuttavia, il generatore si è spento dopo aver creato solo 512 glifi. Per lo stesso motivo, questa scarsità ha reso gli autoglifi estremamente preziosi oggi. Per essere sicuri, il loro prezzo minimo oggi è un enorme 177 ETH o circa 544.000 dollari. Inoltre, ciò che li rende un pezzo di storia davvero unico è che sono il primo progetto di arte generativa on-chain.

Le opere d’arte semplicistiche sono una cosa di bellezza! Credito: Larva Labs

Cos’è l’arte generativa on-chain?

Progetti NFT come CryptoPunks o Bored Ape Yacht Club sono tutti progetti NFT di arte generativa. In effetti, la maggior parte dei progetti PFP NFT rientrano in questa categoria. Tuttavia, contrariamente alla credenza comune, le opere d’arte effettive non sono memorizzate sulla blockchain. Invece, sono memorizzate in un database fuori dalla catena, cioè fuori dalla blockchain. Questo è allarmante perché non c’è alcuna garanzia che le immagini rimangano al sicuro lì per sempre.

È qui che gli Autoglyphs NFT si distinguono.

“Con i CryptoPunks, tutta la proprietà e la provenienza sono permanentemente e pubblicamente disponibili, e queste regole sono stabilite e fissate”, ha detto Watkinson ad Artnome. “Eppure c’è ancora un po’ di imperfezione nel fatto che l’arte viene dall’esterno della blockchain e rimane là fuori, ed è solo referenziata da un contratto intelligente”.

“Non abbiamo nessuna lamentela sui CryptoPunks, ma ci sembrava che ci fosse un’opportunità per andare oltre”, ha aggiunto. “Con Autoglyphs, ci siamo chiesti: “Possiamo rendere l’intera cosa completamente autonoma e completamente aperta e operante sulla blockchain?””

Autoglyphs #486

Ed è esattamente quello che il duo ha fatto con Autoglyphs. Fondamentalmente, l’arte è memorizzata all’interno del contratto stesso. Come descritto da Larva Labs, “è letteralmente ‘arte sulla blockchain'”. Questo non era un compito facile, date le limitazioni delle blockchain che rendono difficile memorizzare grandi file di immagini su di esse. Il duo ha quindi sperimentato con vari generatori. Alla fine, hanno trovato la perfetta “piccola quantità di codice efficiente” per produrre un “output abbastanza piccolo ed efficiente”.

Come risultato, le opere d’arte finali sono semplici, ma estremamente belle. Il codice ha riunito con grazia vari schemi di simboli come +-|, /\, |-/, e O|-. Infatti, le opere rendono omaggio ai pionieri dell’arte generativa, Ken Knowlton e Michael Noll.

Come vengono creati gli autoglifi?

Gli Autuglyphs usano un algoritmo generativo “altamente ottimizzato” che può creare miliardi di opere uniche. Ognuna di queste opere d’arte è avvolta in un’interfaccia ERC-721. ERC-721, come sappiamo, è lo standard per gli NFT.

L’intero processo di generazione di opere d’arte segue un meccanismo autonomo. In altre parole, una volta che il progetto è distribuito su Ethereum, gli sviluppatori non controllano più né il codice che genera l’arte né quello che gestisce la proprietà dei token.

“Permette una garanzia a lungo termine di proprietà, provenienza e dimensione dell’edizione che è indipendente da qualsiasi autorità centrale”, ha scritto Larva Labs. In seguito, l’azienda ha reso pubblica la proprietà e il codice di generazione. Come risultato, diversi progetti derivati da Autoglyph hanno preso vita, come ColorGlyphs e PaintGlyphs.

Questi NFT ora si vendono per milioni!

Poiché il generatore si è spento da solo, ci saranno solo 512 NFT Autoglyph esistenti. Oggi, 152 collezionisti possiedono questi inestimabili NFT. Inutile dire che, conoscendo il loro valore, i possessori non si separeranno facilmente da questi NFT. Per questo motivo, ci sono state solo tre vendite di Autoglyph negli ultimi 30 giorni.

Inoltre, la maggior parte di questi NFT sono stati venduti per milioni di dollari. Secondo DappRadar, Autoglyphs #463 occupa il primo posto come il più alto NFT venduto nella collezione. È stato venduto per un enorme 1,58 milioni di dollari. Autoglyphs #486 e Autoglyphs #403 occupano il secondo e terzo posto dopo aver venduto rispettivamente per 1,56 milioni e 1,51 milioni di dollari.

Con una vendita di 1,48 milioni di dollari, Autoglyphs #380 è il quarto NFT più venduto. Infine, Autoglyphs #17 occupa il quinto posto dopo aver raggiunto 1,44 milioni di dollari. In realtà, almeno altri sei Autoglyph NFT sono stati venduti per più di 1,1 milioni di dollari.

Se vuoi comprare uno di questi NFT, ti costerà almeno 177 ETH su OpenSea. Alcuni sono stati quotati fino a 1999 ETH (circa 6 milioni di dollari). Come per altre collezioni iconiche come Rare Pepe e CryptoPunks, il valore degli Autoglyphs è destinato a salire in futuro. Incredibilmente fortunati sono i pochi che se li sono accaparrati nei primi giorni!

Disclaimer: Gli NFT sono una classe di attività emergente che si sta ancora evolvendo. Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere interpretate come consigli finanziari o di investimento. Fai sempre le tue ricerche prima di prendere qualsiasi decisione di acquisto, vendita o scambio di NFT.

Disclaimer

NFTs are an emerging asset class that is still evolving. The information in this article, whether directed at NFTs or other asset classes, should not be construed as financial or investment advice. Always do your own research before making any decision to buy, sell or trade NFTs.

Admin

NFT-Blog.it è un sito di notizie, guide e approfondimenti dedicato alla divulgazione di tutto ciò che ruota attorno agli NFT. La nostra missione è quella di informare e diffondere la conoscenza sui benefici che vengono da queste nuove entusiasmanti esperienze e tecnologie.

Lascia un commento