NFT-Blog.it

Non-fungible token. Guide, Approfondimenti e News.

Che cos’è un NFT cc0?

DiAdmin

Ago 9, 2022

Quindi, ti stai chiedendo cosa diavolo è un NFT cc0? Bene, tutto inizia con la proprietà intellettuale, o diritti di proprietà intellettuale, copyright e licenze simili disponibili per la proprietà astratta come l’arte digitale. Ora, gli NFT cc0 sono in aumento, con il lato aperto e trasparente del branding amato dai maxi del decentramento. Progetti come CrypToadz, Blitmaps e Mfers presentano tutti opere d’arte “Creative Commons Zero”. Ma cosa significa cc0? E come si collega ai diritti commerciali IP di NFT?

Di solito, le persone pensano che solo perché coni un NFT, tutto ciò che ottieni è l’immagine. Tuttavia, alcuni NFT non sono così semplici. Mentre alcuni offrono la licenza dei diritti di proprietà intellettuale (IP), altri non danno nulla ai titolari.

Ovviamente, è importante conoscere i tuoi diritti con gli NFT. Quindi iniziamo con i diritti più popolari dietro gli NFT oggi, i diritti cc0 e il loro significato nella scena NFT.

Cosa significa cc0?

Il termine cc0 significa “Creative Commons Zero”. Fondamentalmente, significa che i proprietari dell’IP (diritti di proprietà intellettuale) rinunciano a tutti i diritti d’autore e simili al pubblico dominio. In altre parole, chiunque può utilizzare gli elementi cc0 per quasi tutto ciò che vuole. I diritti Cc0 consentono a chiunque di utilizzare l’IP per creare i propri contenuti.

Quindi cos’è un NFT cc0?

Un cc0 NFT è un contenuto digitale in cui i diritti IP sono stati ceduti. In breve, chiunque può riprodurre un NFT cc0. Anche i non titolari possono creare beni commerciali da cc0 NFT senza ripercussioni legali.

Inoltre, con un NFT cc0, non devi attribuire il creatore originale se dovessi usarlo.

Ad esempio, il progetto principale Goblintown concede tutti i diritti cc0 alle loro opere d’arte.

Gli NFT cc0 hanno sicuramente i loro pro e contro a seconda degli obiettivi di ciascun creatore o titolare con i loro NFT.

Cc0 vs. Diritti di proprietà intellettuale commerciale: qual è il migliore?

Naturalmente, gli NFT cc0 hanno i loro pro e contro. Tuttavia, la maggior parte dei vantaggi può anche diventare svantaggi. In sostanza, tutto si riduce al tuo punto di vista sulla questione.

Quando possiedi un cc0 NFT, puoi commercializzare quell’opera d’arte in qualsiasi modo desideri. Non è necessario chiedere al proprietario del progetto o all’artista il permesso di utilizzare NFT.

D’altra parte, anche chiunque altro può usarlo. L’IP è di dominio pubblico, il che significa che qualcuno che ha salvato la tua NFT facendo clic con il pulsante destro del mouse ha tanto diritto quanto te. Sì, anche un perfetto estraneo alla collezione potrebbe usare il suo marchio per la propria azienda.

Successivamente, i proprietari di progetti di cc0 NFT non hanno alcun controllo sul proprio marchio. Questo perché letteralmente, CHIUNQUE può usare la somiglianza in qualsiasi modo, forma o forma.

In confronto, i diritti di PI commerciali completi consentono solo al titolare di utilizzare la somiglianza di tale NFT. Ciò apre un’intera gamma di opzioni per concedere in licenza l’IP ad altri. Un ottimo esempio di questo è il Bored Ape Yacht Club. Fondamentalmente, la BAYC offre diritti commerciali, con molte scimmie che concedono in licenza il loro IP NFT per video musicali, film, programmi TV e moda. Fa parte della libertà che deriva dal possedere tutti i diritti di PI.

Esempi di NFT cc0 di successo

Goblintown è tra i progetti cc0 NFT più intriganti del 2022. Credit: Goblintown

Goblintown 

Alcuni dicono che sia brutto, altri lo elogiano per la sua unicità. Ad ogni modo, Goblintown ha fatto scalpore tra i collezionisti di NFT. Gli avatar NFT da 10.000 NFT sono tutti cc0, consentendo così ai possessori di commercializzarli in qualsiasi modo. In questo caso, il possesso di un Goblintown NFT registrato con una licenza Creative Commons può essere prezioso. Per quanto riguarda il design, questi oggetti da collezione spiccano sicuramente.

Il controverso progetto ha infatti ridefinito il concetto di bellezza in ambito NFT. Il prezzo iniziale della collezione è 1,9 ETH con molte balene NFT che approvano il progetto. Sorprendentemente, quest’estate Steve Aoki ha persino ospitato un Goblintown NFT NYC Party .

Loot è un progetto NFT innovativo che ha ispirato i creatori di contenuti a sviluppare nuove risorse. 
Credito: Loot NFT Project

Bottino

Nessun avatar, nessuna immagine e nessuna statistica: solo testo bianco su sfondo nero. Per quanto semplice possa sembrare, Loot ha ridefinito l’interazione della comunità con i suoi NFT. Fondamentalmente, ciascuno degli 8K NFT è un “loot bag” pieno di guardrail.

Poiché queste risorse digitali sono cc0, chiunque può utilizzarle per il proprio progetto. Dai giochi P2E agli innovativi strumenti di esplorazione della rarità, questo progetto ha alimentato la creatività degli sviluppatori. Oggi, il prezzo minimo di un Loot NFT è 1,03 ETH, un risultato impressionante considerando che il conio era gratuito al momento del lancio. Se vuoi scoprire tutto sul complesso ecosistema del bottino, dai un’occhiata al nostro post qui .

Mfers proviene da uno dei principali creatori di meme NFT di Twitter, Sartoshi. 
Credito: Mfers

Mfers

Pochi progetti rappresentano la cultura dei meme meglio di Mfers . Questo progetto disegnato a mano consiste in 10.000 NFT in stile avatar creati nientemeno che da Sartoshi . In breve, Sartoshi è stato uno dei principali creatori di meme su Twitter NFT. Cioè, finché non è scomparso.

Per quanto semplici possano sembrare, gli stickmen digitali hanno conquistato il mercato poco dopo il lancio. Oggi puoi acquistare un Mfers NFT al prezzo minimo di 1,18 ETH. Tuttavia, alcuni dei pezzi più rari sono stati venduti per 11 ETH, facendo salire alle stelle questo progetto cc0 verso la popolarità.

Nouns è un progetto cc0 NFT in corso, con nuovi oggetti da collezione che cadono ogni giorno. 
Credito: sostantivi

Nouns: il progetto cc0 di maggior successo

Alla ricerca di un progetto cc0 NFT presentato in uno spot del Super Bowl? Allora Nouns è la risposta. Attenzione, però, perché questi avatar pixelati hanno un prezzo minimo di soli 99 ETH. In effetti, questo è senza dubbio uno dei progetti cc0 di maggior successo fino ad oggi.

A differenza della maggior parte delle raccolte NFT, Nouns non ha un numero di NFT. Invece, NounsDAO mette all’asta una nuova risorsa digitale ogni giorno; il piano del team è di continuare questo processo “per sempre”. Pertanto, NounsDAO (co-governato da tutti i detentori di NFT) ha uno dei più grandi tesori nella sfera NFT.

È cc0 estate?

La risposta breve è “forse”. Quest’anno, abbiamo visto un numero sempre maggiore di progetti NFT di cc0 salire alle stelle in popolarità. Collezionisti, sviluppatori di giochi e artisti godono tutti della libertà di utilizzare i loro NFT come vogliono.

Anche una rapida occhiata ai progetti più seguiti dell’estate lo dimostra. Ad esempio, Goblintown, un progetto senza roadmap o utilità, è passato da una zecca gratuita a vendite di oltre $ 130.000. La loro community su Twitter vanta più di 124.5.000 follower che continuano a supportare la strana raccolta. Anche nel mercato ribassista, questo nuovo progetto sta prosperando in modo impressionante!

XCOPY è uno dei creatori NFT più popolari a passare a cc0 quest’anno. 
Credito: XCOPY

Questo risultato di successo ha ispirato anche altri creatori di NFT a passare a cc0. Ad esempio, il prolifico artista digitale XCOPY ha annunciato che tutti i suoi NFT diventeranno cc0. Poiché i titolari ricevono i diritti di proprietà intellettuale per ogni pezzo, ciò significa che le opere d’arte di XCOPY ispireranno molti altri artisti e progetti emergenti.

The Moonbirds cc0 Polemiche

Nell’agosto 2022, Proof ha annunciato che la licenza per Moonbirds è diventata cc0 . Per spiegare, il progetto popolare ha revocato i diritti commerciali a ciascun titolare. Sfortunatamente, il team ha subito un contraccolpo dai membri della sua stessa comunità.

Di conseguenza, il passaggio a cc0 va contro le promesse iniziali fatte da Moonbirds ai minatori. Tuttavia, la loro decisione è legale, nonostante la disapprovazione della comunità.

Per concludere, probabilmente vedremo più progetti NFT di cc0 nel prossimo futuro. La nuova tendenza facilita la distribuzione NFT consentendo ai titolari di utilizzare le risorse digitali a loro piacimento. Alcuni dei progetti di maggior successo sul mercato offrono cc0 collectibles, che ha convinto anche i migliori artisti ad abbracciare il cambiamento.

Disclaimer

NFTs are an emerging asset class that is still evolving. The information in this article, whether directed at NFTs or other asset classes, should not be construed as financial or investment advice. Always do your own research before making any decision to buy, sell or trade NFTs.

Admin

NFT-Blog.it è un sito di notizie, guide e approfondimenti dedicato alla divulgazione di tutto ciò che ruota attorno agli NFT. La nostra missione è quella di informare e diffondere la conoscenza sui benefici che vengono da queste nuove entusiasmanti esperienze e tecnologie.

Lascia un commento