NFT-Blog.it

Non-fungible token. Guide, Approfondimenti e News.

5 etichette discografiche NFT che ridefiniscono la musica

DiAdmin

Ago 17, 2022

Sempre più musicisti utilizzano la tecnologia NFT per riprendere il controllo, portando a un’industria musicale web3 più sana e più adatta agli artisti. Attraverso gli NFT musicali e le etichette discografiche NFT, gli artisti emergenti e di livello medio si guadagnano da vivere, costruiscono comunità e si liberano da un’industria musicale tradizionale che serve solo a pochi. Non solo, ma ancora e ancora, gli NFT si stanno rivelando il modo per fare soldi come musicista senza contratto. Vuoi saperne di più sulle etichette discografiche NFT? Continua a leggere.

Che cos’è un’etichetta discografica NFT?

Per capire cos’è un’etichetta discografica NFT, è importante identificare cos’è un’etichetta discografica . Un’etichetta discografica è un’azienda che scova nuovi artisti, li sviluppa e coordina la produzione, la produzione, la distribuzione e la commercializzazione dei dischi. Tradizionalmente, gli artisti dipendevano dalle etichette discografiche per pubblicare musica e stabilire una carriera.

Sebbene le etichette discografiche abbiano ancora molta autorità nell’industria musicale, molti artisti stanno optando per la strada dell’indipendenza. A seconda del contratto, le etichette discografiche hanno il potere di possedere la musica dell’artista per il resto della loro vita. Casi di alto profilo, come la controversia sui maestri di Taylor Swift, hanno ulteriormente chiarito come alcune etichette tradizionali possano sfruttare i giovani artisti.

D’altra parte, un’etichetta discografica NFT garantisce all’artista la piena proprietà della propria musica. Fornendo un certificato di proprietà, un’etichetta discografica NFT garantisce che il rapporto tra l’etichetta e l’artista sia reciprocamente vantaggioso.

Per le etichette discografiche NFT, il token principale – o formato musicale – è NFT, memorizzato sulla blockchain. Inoltre, le etichette discografiche NFT aiutano gli artisti a creare una comunità di fan e utilizzano i servizi web3, come i mercati NFT, per diffondere la musica.

Come funziona un’etichetta discografica NFT?

L’industria delle etichette discografiche NFT è ancora agli inizi. Pertanto, l’esatto scopo di un’etichetta discografica NFT dipende in gran parte da coloro che stabiliscono etichette discografiche NFT. In termini di musica stessa, gli NFT sono disponibili come formato, insieme ad altri formati tradizionali come vinile, CD e MP3 e così via. Oltre agli NFT musicali, gli appassionati di musica possono aspettarsi altre risorse digitali, come merchandising digitale e arte per accompagnare le uscite, oltre a performance metaverse e video musicali.

Le etichette discografiche NFT possono funzionare come DAO o collettivi in ​​cui la relazione artista-fan è più apprezzata e la comunità dei fan ha la priorità. Ciò potrebbe significare che i fan votano su quali brani includere in un album, decidono l’artwork del singolo e altro ancora.

Tuttavia, le etichette discografiche NFT non sono libere da configurare. I fondatori devono considerare i costi operativi, i costi di creazione e commercializzazione di NFT e le tariffe del gas. Inoltre, devono essere presi in considerazione anche i costi di registrazione delle transazioni sulla blockchain.

Snoop Dogg sta rinominando Death Row Records come etichetta discografica NFT.

Le 5 migliori etichette discografiche NFT cambiano il futuro della musica

Record del braccio della morte

Snoop Dogg ha acquisito la leggendaria Death Row Records all’inizio di quest’anno. Dopo l’acquisizione, ha annunciato che la Death Row Records sarà un’etichetta NFT. In una conversazione su Clubhouse, ha detto: “Death Row sarà un’etichetta NFT. Metteremo i nostri artisti attraverso il metaverso e tutta un’altra catena di musica. Proprio come il modo in cui abbiamo rotto il settore quando siamo stati la prima [etichetta] indipendente a diventare una major”. Avere un artista come Snoop Dogg non solo supporta ma gestisce anche un’etichetta musicale NFT continua a consolidare la crescente importanza dell’industria musicale web3.

Moonwalker FM

Moonwalker FM è stata una delle prime etichette discografiche della NFT. Ogni NFT coniato è abbinato a una canzone lo-fi su piattaforme di streaming. Di conseguenza, i possessori di NFT possono richiedere circa il 30% dei profitti in streaming sotto forma di vari premi.

Cosa c’è di più: MoonwalkerFM ha creato la prima DApp del settore che mostra ai possessori di NFT a quali brani sono collegati i loro NFT. Sono in atto anche piani per eventi, competizioni esclusive, merchandising, attracco spaziale, accesso anticipato a lanci e altro ancora.

Hume

Hume è un’etichetta discografica collettiva e NFT composta da artisti ibridi virtuali-fisici. Il suo obiettivo principale è sviluppare metastar con una storia passata, attorno a cui ruotano l’etichetta virtuale e lo studio di intrattenimento. Nel novembre 2021, l’etichetta discografica NFT ha presentato la sua prima metastar, Angelbaby, che ha pubblicato il loro primo singolo, “NFT” e si è esibito alla FLUF House ad Art Basel Miami.

Il mondo ti ha record

World Has You Records combina arte e musica e utilizza web3 come un modo per unire le persone attraverso il loro amore per la musica. Secondo i suoi fondatori, AlmaD e Kristen, World Has You Records mira a pubblicare “musica e arte esclusive di alta qualità per la comunità” e “creare esperienze memorabili” mentre “scopri e sviluppa nuovi talenti”.

Yacht spaziale

Space Yacht è un’etichetta discografica NFT fondata da un gruppo di frequentatori di feste clandestine a Los Angeles. Il duo fondatore, Henry Lu e Rami Perlman, ha organizzato oltre 100 eventi in diversi paesi e ora si sta avventurando nello spazio web3. Come etichetta, Space Yacht pubblica NFT musicali in fasi che si basano su quelli precedenti. Le loro collezioni NFT, Iconography Volume 1, 2 e 3, offrono agli appassionati di musica un assaggio di cosa aspettarsi da Space Yacht mentre continua a crescere.

Iman Europe è uno dei tanti artisti che guadagna soldi come musicista senza contratto.

Gli atti non firmati possono fare soldi con gli NFT?

Un numero significativo di atti non firmati ha fatto più soldi vendendo NFT che tramite piattaforme di streaming. Secondo Delphi Digital, le vendite del catalogo non sono legate alla popolarità di un artista su Spotify: “Le vendite tendono a raggiungere circa ~1 ETH, senza una tonnellata di variazione in base agli stream mensili di Spotify. Ciò suggerisce che i primi collezionisti sono disposti a supportare artisti meno affermati e stanno dando un premio alla “primità” dei musicisti primi adepti”.

Ci sono molte storie di successo di artisti non firmati che stanno raccogliendo i frutti del web3. Iman Europe ha guadagnato 22,2 ETH (circa $ 60.000) vendendo 5 singoli e un video musicale come NFT. LATASHÁ ha venduto una canzone per $ 3.000 su Catalog, mentre Moruf Adedayo Adewunmi è riuscito a fare abbastanza soldi per sostenere la sua famiglia solo otto mesi dopo aver sperimentato per la prima volta con gli NFT musicali.

Come gli NFT stanno sconvolgendo l’industria musicale

È sicuro affermare che NFT e web3 stanno sconvolgendo l’industria musicale come la conosciamo. In web2, gli artisti dipendevano dalle etichette, dai servizi di streaming e dai tour per generare entrate. Inoltre, hanno dovuto fare i conti con innumerevoli intermediari che prendono una parte significativa dei diritti d’autore guadagnati dagli artisti.

Attraverso gli NFT, gli artisti possono guadagnare vendendo la loro musica NFT direttamente ai fan senza bisogno di intermediari come piattaforme di streaming, etichette e distributori. Inoltre, la bassa barriera all’ingresso nell’industria musicale web3 significa che qualsiasi artista può pubblicare musica e fare soldi come musicista senza contratto.

Gli NFT stanno creando un’infrastruttura musicale più equa per artisti e fan.

Poiché il prezzo della maggior parte degli NFT è superiore a uno stream Spotify ( che è $ 0,003 – $ 0,005 per stream ), gli artisti non hanno bisogno di milioni di stream per generare un reddito decente. Pertanto, non devono vendere o commercializzare la loro musica, poiché tutto dipende dall’avere una piccola comunità che crede in quello che fanno.

È anche importante ricordare che gli smart contract dietro gli NFT musicali significano che gli artisti non possono essere ingannati per non ricevere i loro soldi. I contratti intelligenti consentono agli artisti di tracciare chi è il titolare della loro musica NFT, monitorare le vendite sul mercato secondario e ricevere una percentuale delle royalty ogni volta che il titolare rivende la NFT.

Considerazioni finali: etichette discografiche NFT e futuro dell’industria musicale

Indubbiamente, gli NFT stanno aprendo la strada a un’industria musicale più equa e democratica. Le etichette discografiche NFT sono alcuni dei principali attori che guidano questo cambiamento. Anche se le etichette tradizionali probabilmente non diventeranno obsolete, dovranno essere al passo con i tempi adottando l’etica web3 e mettendo finalmente gli artisti in prima linea.

Disclaimer

NFTs are an emerging asset class that is still evolving. The information in this article, whether directed at NFTs or other asset classes, should not be construed as financial or investment advice. Always do your own research before making any decision to buy, sell or trade NFTs.

Admin

NFT-Blog.it è un sito di notizie, guide e approfondimenti dedicato alla divulgazione di tutto ciò che ruota attorno agli NFT. La nostra missione è quella di informare e diffondere la conoscenza sui benefici che vengono da queste nuove entusiasmanti esperienze e tecnologie.

Lascia un commento