NFT-Blog.it

Non-fungible token. Guide, Approfondimenti e News.

Cos’è Web3? Una guida per comprendere la nuova era di Internet

DiAdmin

Set 20, 2022

Web3 è una di quelle parole d’ordine che probabilmente continui a sentire e vedere su Internet, proprio come NFT e il metaverso. Generalmente, Web3 viene utilizzato per fare riferimento a tutti i diversi settori legati alla blockchain, come NFT, DeFi e cripto.

Per capire cos’è Web3, dobbiamo prima tornare agli umili inizi di Internet con l’inizio di Web1 e la sua progressione verso Web2.

Il passato: Web 1.0

Il Web 1.0 si riferisce all’era di Internet tra il 1994 e il 2004. È anche comunemente nota come l’era della “sola lettura” perché all’epoca Internet comprendeva praticamente siti Web statici di proprietà di varie società. È stata la prima fase dello sviluppo del World Wide Web.

Se non eri in giro negli anni ’90, dai un’occhiata ai siti Web più popolari di allora, come AOL , Netscape e altre varie bacheche di messaggi. Il web design era molto semplice, il contenuto era statico piuttosto che interattivo e non poteva essere condiviso. Inoltre, i consumatori non potevano produrre alcun contenuto da soli. Ma presto tutto cambiò.

Il presente: Web 2.0

Il Web 2.0 è noto come l’era di lettura-scrittura e si riferisce al periodo dal 2004 ad oggi. Con l’emergere di piattaforme di social media come Facebook, YouTube, MySpace (chi se lo ricorda ?), il panorama di Internet è cambiato drasticamente dall’essere un’autostrada a senso unico a un mondo interattivo di scambio di informazioni, creazione, consumo e condivisione. Queste piattaforme hanno improvvisamente reso possibili le interazioni da utente a utente, così come la distribuzione di contenuti generati dagli utenti e l’ascesa di nuovi modelli di entrate pubblicitarie online.

Come per molte innovazioni, questo ha comportato diversi inconvenienti. Sebbene gli utenti possano creare contenuti e utilizzare queste piattaforme gratuitamente, non possono possedere questi contenuti o trarre vantaggio dalla loro monetizzazione (come le aziende che raccolgono dati personali e li vendono alle aziende per scopi di marketing). Non solo gli utenti hanno il controllo zero sui propri dati, ma devono anche rispettare i termini e le condizioni di queste piattaforme, altrimenti non possono utilizzarli.

Il futuro: Web 3.0

Allo stato attuale, siamo nell’era del Web2 con lo sviluppo dell’infrastruttura Web3 in corso e già integrato in alcune delle nostre esperienze online. In poche parole, il Web 3.0 viene ora definito l’era di lettura-scrittura-proprio ed è guidato dall’obiettivo di dare ai creatori la proprietà dei loro contenuti e rimuovere gli intermediari, tra le altre cose.

La premessa del Web 3.0 è stata coniata dal co-fondatore di Ethereum Gavin Wood dopo il lancio di Ethereum nel 2014. Secondo lui, il web come lo conosciamo richiede troppa fiducia in un ristretto numero di aziende private e sperando che avranno sempre il loro a cuore l’interesse degli utenti.

È qui che entra in gioco la tecnologia blockchain e le idee centrali di web3 che sono: decentramento, pagamenti nativi in ​​cripto, uso senza autorizzazione e meccanismi economici senza l’utilizzo di terze parti. In un’intervista a Wired del 2021 , Wood ha spiegato la sua visione di Web3: “Meno fiducia, più verità”.

Siamo ancora nelle primissime fasi di Web3 e nessuno può prevedere come si svilupperà poiché è ancora in evoluzione e in fase di definizione. Quello che è certo è che farà un uso sostanziale della tecnologia blockchain, delle applicazioni decentralizzate e dell’IA.

Offre molti vantaggi, come la proprietà delle tue risorse digitali, la resistenza alla censura, l’interoperabilità attraverso un unico indirizzo di accesso tra le piattaforme. Tuttavia, non siamo ancora arrivati, poiché l’infrastruttura affidabile e di alta qualità richiesta per eseguire questa operazione è ancora in fase di costruzione, il che significa che l’accessibilità e l’esperienza utente di molte piattaforme web3 sono inferiori alla media e dipendiamo ancora da piattaforme centralizzate come Twitter, GitHub e Discord.

Quali sono le migliori aziende Web3? 

Probabilmente ti starai chiedendo chi sta costruendo la visione di Web3 e quali sono le aziende più importanti in questo momento. Ci sono migliaia di aziende Web3 innovative, tutte focalizzate sulla decentralizzazione e sulla creazione di un cambio di paradigma nell’economia dei creatori e dei consumatori.

Di seguito è riportato un elenco di alcune delle migliori aziende Web3 nello spazio in questo momento:

  • Coinbase
  • Crypto.com
  • Mare aperto
  • Blockchain.com
  • Yuga Labs
  • Genio
  • Dapper Labs
  • Immutabile
  • UniswapLabs
  • Così raro
  • Ondulazione

Web3 in poche parole

Abbiamo visto il Web evolversi da contenuti di sola lettura di base, all’era di Internet centralizzata in cui le società Big Tech come Meta e Google, ci forniscono piattaforme Web interattive e social, ma in cambio scambiamo dati e informazioni private per utilizzare questi servizi , all’era Web3 in evoluzione di un ecosistema Internet decentralizzato e dell’IA.

Disclaimer

NFTs are an emerging asset class that is still evolving. The information in this article, whether directed at NFTs or other asset classes, should not be construed as financial or investment advice. Always do your own research before making any decision to buy, sell or trade NFTs.

Admin

NFT-Blog.it è un sito di notizie, guide e approfondimenti dedicato alla divulgazione di tutto ciò che ruota attorno agli NFT. La nostra missione è quella di informare e diffondere la conoscenza sui benefici che vengono da queste nuove entusiasmanti esperienze e tecnologie.

Lascia un commento